Investment

Stati Uniti divisi a metà: un bene per la Cina?

by Giacomo Calef

Stati Uniti divisi a metà: un bene per la Cina?

Nonostante la manifestazione pro-Trump sia degenerata facendo scattare un vero proprio assalto al Congresso, Giovedì a Washington è stato ripristinato l’ordine e il Parlamento si è riunito per la proclamazione del nuovo Presidente eletto Joe Biden. I due seggi mancanti della Georgia, infatti, sono stati assegnati al Partito Democratico, permettendo al nuovo leader, seppur con una maggioranza risicata al senato, di portare avanti il proprio programma di governo.

Tuttavia, si rende necessaria un’analisi geopolitica, poiché di fatto, ad oggi, abbiamo un’America profondamente divisa dal punto di vista politico e ciò potrebbe rappresentare un punto di debolezza soprattutto nei confronti della Cina. Si ricordi innanzitutto che, nonostante se ne sia parlato di meno ultimamente, la guerra commerciale non è mai finita. Per fare il punto della situazione, osserviamo il grafico rappresentato. Nel 2018 il peso dei dazi sul totale delle esportazioni era pari all’8% per quanto riguarda quelli applicati dalla Cina (in rosso) e pari al 3% circa con riferimento a quelli applicati dagli Stati Uniti (in blu). Mentre a margine della Fase Uno di Gennaio (stipulata poco prima dello scoppio della pandemia) il peso delle tariffe sul totale delle esportazioni è salito vertiginosamente e ad oggi è pari a circa il 20% per entrambe le parti. Al momento, dunque, non è cambiato nulla e Biden, a seguito delle elezioni di Dicembre, ha affermato che, quantomeno per il momento, i dazi imposti al rivale asiatico non verranno annullati. Ma in ogni caso il nuovo Presidente dovrà adottare al più presto una strategia adeguata per arginare la Cina, poiché i dazi non stanno fermando l’espansione del colosso asiatico. Quest’ultimo nel corso del 2020, infatti, ha ristretto significativamente il proprio divario con gli USA, riuscendo a registrare, secondo il Fondo Monetario Internazionale, un tasso di crescita economica del +2% circa. Per il PIL americano, invece, ci si attende una caduta superiore al 4%. Ma non solo, nel 2021 il processo di restringimento del divario potrebbe continuare: lo stesso FMI si attende una crescita maggiore del +8% per la Cina, mentre per gli USA “solo” un +3% circa. Pertanto, dato che la guerra dei dazi ad oggi non ha funzionato, cosa potremo aspettarci da Biden? Probabilmente avremo una ripresa del multilateralismo, al fine di stringere alleanze per formare un fronte comune. Ad esempio, gli USA potrebbero consolidare i rapporti con l’UE, rientrando nell’Accordo di Parigi sul clima e scacciando definitivamente lo spettro dei dazi sul settore automobilistico europeo. Oppure, secondo alcuni analisti, i Democratici potrebbero riallacciare la partnership commerciale con alcuni Paesi dell’area del Pacifico già avviata da Obama nel 2016 (abbandonata poi da Trump nel 2017), ovvero la cosiddetta TPP (Trans-Pacific Partnership) che include economie importanti come ad esempio Australia, Giappone e Singapore.

 

Fonti: IMF.org, Marketplace.org, piie.org (Peterson Institute For International Economics, cnbc.com

Di seguito l’ultima nota settimanale del nostro ufficio di Milano.

Nota settimanale 08 01 2021

  1. Panoramica macro
  2. Investimenti azionari: focalliziamoci su settori e temi
  3. Stati Uniti divisi a metà: un bene per la Cina?

 

 

Disclaimer

Le performance passate non sono in nessun caso indicative per i futuri risultati. Le opinioni, le strategie ed i prodotti finanziari descritti in questo documento possono non essere idonei per tutti gli investitori. I giudizi espressi sono valutazioni correnti relative solamente alla data che appare sul documento.

Questo documento non costituisce in alcun modo una offerta o una sollecitazione all’investimento in nessuna giurisdizione in cui tale offerta e/o sollecitazione non sia autorizzata né per nessun individuo per cui sarebbe ritenuta illegale. Qualsiasi riferimento contenuto in questo documento a prodotti finanziari e/o emittenti è puramente a fini illustrativi, ed in nessun caso deve essere interpretato come una raccomandazione di acquisto o vendita di tali prodotti. I riferimenti a fondi di investimento contenuti nel presente documento sono relativi a fondi che possono non essere stati autorizzati dalla Finma e perciò possono non essere distribuibili in o dalla svizzera, ad eccezione di alcune precise categorie di investitori qualificati. Alcune delle entità facenti parte del gruppo Notz Stucki o i suoi clienti possono detenere una posizione negli strumenti finanziari o con gli emittenti discussi nel presente documento, o ancora agire come advisor per qualsiasi degli emittenti stessi.

I riferimenti a mercati, indici, benchmark, cosi come a qualsiasi altra misura relativa alla performance di mercato su uno specifico periodo di riferimento, sono forniti esclusivamente a titolo informativo.

Il contenuto di questo documento è diretto ai soli investitori professionali come definiti ai sensi della direttiva Mifid, quali banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, imprese di assicurazione, organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali fondi, i negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci, soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia; altri investitori istituzionali, agenti di cambio e non è da intendersi per l’uso di investitori al dettaglio. Accettando questi termini e condizioni, l’utilizzatore conferma e comprende che sta agendo come investitore professionale o suo rappresentante e non come investitore al dettaglio.

Informazioni aggiuntive disponibili su richiesta

© Notz Stucki Group

Return to listing
back to
the top