Investment

Lusso e usato: una combinazione digitale e sostenibile

by Giacomo Calef

Lusso e usato: una combinazione digitale e sostenibile

In questi mesi di pandemia abbiamo potuto osservare una significativa accelerazione di alcuni trend di lungo periodo, come ad esempio quello della digitalizzazione, che potrà rendere possibile il rilancio di molte imprese. Tra gli altri, uno dei settori che nel 2020 ha subito l’impatto della crisi da Covid è stato quello del lusso, registrando una contrazione globale stimata tra il 20 ed il 22%, ma lo scorso anno diversi player hanno potuto contare proprio sui canali di interazione digitale per resistere, favorendo un aumento della quota degli acquisti online dal 12 al 23% per l’intero settore.

Valore del mercato globale dell’usato dei beni di lusso personali dal 2015 al 2020

Inoltre, secondo alcuni analisti, l’incremento delle piattaforme digitali sta permettendo ai consumatori di accedere ad un numero sempre maggiore di articoli da vedere e acquistare online, nonché ad una fascia di prezzo più ampia. Infatti, si può osservare come il segmento dei beni di seconda mano (c.d. resale), apprezzato per la possibilità di ottenere prodotti di elevata qualità a buon mercato, sta riscuotendo sempre più successo. Dal grafico sopra riportato si evince una crescita del relativo mercato globale che ancora non vede interruzioni: ad oggi, per i beni personali di lusso, il valore ammonta a circa $28 miliardi di dollari. In particolare, circa un terzo dei clienti dell’usato di lusso è rappresentato dalle categorie più giovani, ovvero i Millennials, i quali pongono una forte attenzione anche ai temi della sostenibilità ambientale: produrre continuamente nuovi capi che spesso avanzano e devono essere svenduti, o addirittura distrutti, inquina e comporta un enorme spreco di risorse, mentre riutilizzare un capo che è già sul mercato rappresenta una soluzione etica. Pertanto, nei prossimi anni i brand di lusso avranno la possibilità di diversificare, nonché aumentare, le proprie fonti di ricavo facendo leva su solide partnership con rivenditori online che offrono ampie piattaforme multi-brand. Tra queste, ad esempio, abbiamo quella tra Gucci ed il marketplace specializzato nell’usato The RealReal, stipulata lo scorso Ottobre, che favorisce la sostenibilità del ciclo di vita dei capi di abbigliamento. Inoltre, negli Stati Uniti, per ogni prodotto acquistato verrà piantato un albero grazie all’organizzazione no profit One Tree Planted, che servirà a sviluppare ambiziosi progetti di riforestazione a livello globale. Le caratteristiche del settore del lusso, dunque, si confermano essere interessanti per raggiungere una buona diversificazione di portafoglio, senza tralasciare importanti temi di investimento, come il digitale e l’economia circolare.

Fonti: Statista, Bain & Company, ilpost.it, lampoonmagazine.com, fashionmagazine.it

 

Di seguito l’ultima nota settimanale del nostro ufficio di Milano.

Nota settimanale 09.04.2021

  1. Panoramica macro
  2. Lusso e usato: una combinazione digitale e sostenibile
  3. Timori dei mercati: differenza tra obbligazionario e azionario

 

 

 

 

 

Disclaimer

Le performance passate non sono in nessun caso indicative per i futuri risultati. Le opinioni, le strategie ed i prodotti finanziari descritti in questo documento possono non essere idonei per tutti gli investitori. I giudizi espressi sono valutazioni correnti relative solamente alla data che appare sul documento.

Questo documento non costituisce in alcun modo una offerta o una sollecitazione all’investimento in nessuna giurisdizione in cui tale offerta e/o sollecitazione non sia autorizzata né per nessun individuo per cui sarebbe ritenuta illegale. Qualsiasi riferimento contenuto in questo documento a prodotti finanziari e/o emittenti è puramente a fini illustrativi, ed in nessun caso deve essere interpretato come una raccomandazione di acquisto o vendita di tali prodotti. I riferimenti a fondi di investimento contenuti nel presente documento sono relativi a fondi che possono non essere stati autorizzati dalla Finma e perciò possono non essere distribuibili in o dalla svizzera, ad eccezione di alcune precise categorie di investitori qualificati. Alcune delle entità facenti parte del gruppo Notz Stucki o i suoi clienti possono detenere una posizione negli strumenti finanziari o con gli emittenti discussi nel presente documento, o ancora agire come advisor per qualsiasi degli emittenti stessi.

I riferimenti a mercati, indici, benchmark, cosi come a qualsiasi altra misura relativa alla performance di mercato su uno specifico periodo di riferimento, sono forniti esclusivamente a titolo informativo.

Il contenuto di questo documento è diretto ai soli investitori professionali come definiti ai sensi della direttiva Mifid, quali banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, imprese di assicurazione, organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali fondi, i negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci, soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia; altri investitori istituzionali, agenti di cambio e non è da intendersi per l’uso di investitori al dettaglio. Accettando questi termini e condizioni, l’utilizzatore conferma e comprende che sta agendo come investitore professionale o suo rappresentante e non come investitore al dettaglio.

Informazioni aggiuntive disponibili su richiesta

© Notz Stucki Group

Return to listing
back to
the top
Your browser is not supported. Please use another browser.