Investment

L’eterna sfida tra Growth e Value

by Giacomo Calef

L’eterna sfida tra Growth e Value

Come anticipato la scorsa settimana, la correzione che ha colpito le big tech USA (Growth) potrebbe aver aperto la strada ad altri titoli, soprattutto a favore di quelli che hanno risentito maggiormente della crisi economica di quest’anno (che, come avevamo detto, corrispondono ai Value in questo periodo), nella speranza che la pandemia non interrompa i tentativi di ripresa.

Rapporto tra Growth e Value

Ripartiamo, innanzitutto, dalle definizioni:

  • Growth: titoli sopravvalutati dal mercato, poiché si ritiene che abbiano un interessante potenziale di crescita per il futuro o che siano più resilienti nell’attuale contesto economico;
  • Value: titoli sottovalutati dal mercato, poiché si ritiene che, riferendosi spesso ad aziende appartenenti ai settori più maturi, non abbiano un interessante potenziale di crescita o che possano soffrire maggiormente la crisi economica.

Per poter ragionare sul tema, abbiamo scelto il grafico rappresentato. Esso mette in rapporto la performance ottenuta dalle Large Cap Growth USA (in cui rientrano le big tech statunitensi per l’appunto) e quella delle Large Cap Value USA. In particolare, quando il rapporto aumenta, le azioni Growth superano le Value e quando diminuisce, viceversa. Nel 2020 l’overperformance delle prime è stata molto significativa, in quanto gli investitori hanno previlegiato quelle società che hanno potuto beneficiare di un’accelerazione dei trend legati alla tecnologia (e-commerce, cloud, new media). Tale overperformance, però, si attesta ai livelli massimi da qui a circa vent’anni fa, quando nel 2000 è stato raggiunto il picco durante la mania delle dot-com che ha portato ad un crollo vistoso dei titoli Growth, e in questo mese di Settembre stiamo osservando un tentativo di recupero da parte dei Value. Tuttavia, dal nostro punto di vista si ritiene ancora incerto affermare che la rotazione possa partire proprio ora, poiché anche in passato si sono verificati momenti simili a questo, ma alla fine i Growth hanno sempre avuto la meglio. Tuttavia, vi è almeno una considerazione da tener presente, legata alle possibili pressioni inflazionistiche. Esse derivano dalle ingenti politiche fiscali e monetarie e dal cambiamento di approccio della FED, che di recente ha espresso un tono maggiormente tollerante a favore di una crescita del tasso di inflazione. Pertanto, in un contesto in cui i tassi reali si collocano in territorio negativo, sempre più investitori potrebbero spostarsi dai bond al mondo azionario, diversificando anche sui titoli che il mercato al momento sta sottovalutando, per cui ci possano essere ugualmente delle opportunità (seppur difficili da trovare). Nei nostri portafogli azionari, ad esempio, abbiamo selezionato alcuni titoli del gruppo Industrials (si tenga presente che l’industria è particolarmente esposta alle oscillazioni del ciclo economico) che perseguono da anni il loro vantaggio competitivo grazie alle barriere di ingresso imposte dai settori in cui operano e che, dopo aver già recuperato le perdite di Marzo, hanno le potenzialità per continuare a generare flussi di cassa positivi.

 

Fonti: Notz Stucki Research, longtermtrend.com

Di seguito l’ultima nota settimanale del nostro ufficio di Milano.

Nota settimanale 18 09 2020

  1. Panoramica macro
  2. L’eterna sfida tra Growth e Value
  3. Come l’e-commerce fará ripartire il lusso

 

 

Disclaimer

Le performance passate non sono in nessun caso indicative per i futuri risultati. Le opinioni, le strategie ed i prodotti finanziari descritti in questo documento possono non essere idonei per tutti gli investitori. I giudizi espressi sono valutazioni correnti relative solamente alla data che appare sul documento.

Questo documento non costituisce in alcun modo una offerta o una sollecitazione all’investimento in nessuna giurisdizione in cui tale offerta e/o sollecitazione non sia autorizzata né per nessun individuo per cui sarebbe ritenuta illegale. Qualsiasi riferimento contenuto in questo documento a prodotti finanziari e/o emittenti è puramente a fini illustrativi, ed in nessun caso deve essere interpretato come una raccomandazione di acquisto o vendita di tali prodotti. I riferimenti a fondi di investimento contenuti nel presente documento sono relativi a fondi che possono non essere stati autorizzati dalla Finma e perciò possono non essere distribuibili in o dalla svizzera, ad eccezione di alcune precise categorie di investitori qualificati. Alcune delle entità facenti parte del gruppo Notz Stucki o i suoi clienti possono detenere una posizione negli strumenti finanziari o con gli emittenti discussi nel presente documento, o ancora agire come advisor per qualsiasi degli emittenti stessi.

I riferimenti a mercati, indici, benchmark, cosi come a qualsiasi altra misura relativa alla performance di mercato su uno specifico periodo di riferimento, sono forniti esclusivamente a titolo informativo.

Il contenuto di questo documento è diretto ai soli investitori professionali come definiti ai sensi della direttiva Mifid, quali banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, imprese di assicurazione, organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali fondi, i negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci, soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia; altri investitori istituzionali, agenti di cambio e non è da intendersi per l’uso di investitori al dettaglio. Accettando questi termini e condizioni, l’utilizzatore conferma e comprende che sta agendo come investitore professionale o suo rappresentante e non come investitore al dettaglio.

Informazioni aggiuntive disponibili su richiesta

© Notz Stucki Group

Return to listing
back to
the top