Investment

La corsa dirompente del digitale e della tecnologia

by Giacomo Calef

La corsa dirompente del digitale e della tecnologia

La crisi sanitaria scoppiata lo scorso anno ha portato ad inevitabili cambiamenti del nostro stile di vita che, molto probabilmente, potrebbero protrarsi anche dopo la pandemia. E, in particolare, le restrizioni sociali e la “reclusione” forzata nelle nostre case hanno dato un forte boost ad un trend già in forte crescita: la Digital Revolution & Technology. In particolar modo, abbiamo preso in esame l’andamento dei mercati finanziari, ponendo a confronto il Nasdaq (indice dei titoli tecnologici USA) e l’S&P 500 (indice rappresentativo dell’azionario USA).

Possiamo osservare come nel 2020 la performance del primo sia stata caratterizzata da una vera e propria spinta propulsoria, con un +43% circa ($) contro il +16% ($) dell’S&P 500 (si badi bene, non viene riflesso l’effetto del cambio con l’euro). E nel 2021, la corsa dei titoli tech sembra non avere visto ancora il suo capolinea: da inizio anno all’11 Febbraio il Nasdaq registra un incremento superiore all’8%, a fronte di un +4% circa dell’S&P. Dato il forte interesse, dunque, abbiamo approfondito il trend della digitalizzazione ed abbiamo rilevato l’esistenza di un universo contenente un numero cospicuo di segmenti specifici (ne abbiamo individuati quasi venti), ma nell’ottica di massimizzare il rendimento offerto da questo dirompente tema di investimento, ne abbiamo selezionati solo sei, operando uno screening basato su due filtri. Abbiamo identificato, da un lato, solo i segmenti più profittevoli in via prospettica, mentre dall’altro quelli che includono un numero adeguato di player/aziende attraverso cui diversificare l’investimento. Di seguito, in particolare, ne vogliamo indicare due: il Cloud Computing e l’ECommerce. Il primo è risultato estremamente importante durante la pandemia, poiché nei periodi di lockdown ci ha permesso di proseguire l’attività lavorativa usufruendo, tramite server remoto, di risorse software condivise e di servizi digitali altamente scalabili ed efficienti. Inoltre il grafico mostrato sulla sinistra esprime come il segmento del Cloud Computing sia estremamente profittevole: i ricavi globali derivanti dai servizi di Cloud pubblico, ovvero quelli offerti in out-sourcing da società specializzate, sono cresciuti ininterrottamente nell’ultimo decennio, da $ 30 miliardi nel 2011 a 236 stimati per il 2020. Il secondo segmento preso in considerazione, invece, ha tratto beneficio dalle difficoltà di compiere acquisti presso negozi fisici. Il balzo dell’E-Commerce, in particolare, è rappresentato nel grafico sulla destra: le vendite tramite l’online hanno subito una forte accelerazione negli ultimi anni e, secondo le stime per il 2021, i $ 3879 miliardi nel 2020 possono salire fino a 4479. In definitiva, riteniamo che un portafoglio azionario solido e ben posizionato debba presentare una componente dedicata a digitale e tecnologie, anche se, si ponga attenzione, date le alte valutazioni di mercato raccomandiamo una selezione dei titoli attenta ed efficace.

Fonti: Notz Stucki Research, Bloomberg, geekwire.com, Statista

Di seguito l’ultima nota settimanale del nostro ufficio di Milano.

Nota settimanale 12.02.2021

  1. Panoramica macro
  2. La corsa dirompente del digitale e della tecnologia
  3. Azionario cinese: i vantaggi della gestione attiva

 

 

 

 

 

Disclaimer

Le performance passate non sono in nessun caso indicative per i futuri risultati. Le opinioni, le strategie ed i prodotti finanziari descritti in questo documento possono non essere idonei per tutti gli investitori. I giudizi espressi sono valutazioni correnti relative solamente alla data che appare sul documento.

Questo documento non costituisce in alcun modo una offerta o una sollecitazione all’investimento in nessuna giurisdizione in cui tale offerta e/o sollecitazione non sia autorizzata né per nessun individuo per cui sarebbe ritenuta illegale. Qualsiasi riferimento contenuto in questo documento a prodotti finanziari e/o emittenti è puramente a fini illustrativi, ed in nessun caso deve essere interpretato come una raccomandazione di acquisto o vendita di tali prodotti. I riferimenti a fondi di investimento contenuti nel presente documento sono relativi a fondi che possono non essere stati autorizzati dalla Finma e perciò possono non essere distribuibili in o dalla svizzera, ad eccezione di alcune precise categorie di investitori qualificati. Alcune delle entità facenti parte del gruppo Notz Stucki o i suoi clienti possono detenere una posizione negli strumenti finanziari o con gli emittenti discussi nel presente documento, o ancora agire come advisor per qualsiasi degli emittenti stessi.

I riferimenti a mercati, indici, benchmark, cosi come a qualsiasi altra misura relativa alla performance di mercato su uno specifico periodo di riferimento, sono forniti esclusivamente a titolo informativo.

Il contenuto di questo documento è diretto ai soli investitori professionali come definiti ai sensi della direttiva Mifid, quali banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, imprese di assicurazione, organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali fondi, i negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci, soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia; altri investitori istituzionali, agenti di cambio e non è da intendersi per l’uso di investitori al dettaglio. Accettando questi termini e condizioni, l’utilizzatore conferma e comprende che sta agendo come investitore professionale o suo rappresentante e non come investitore al dettaglio.

Informazioni aggiuntive disponibili su richiesta

© Notz Stucki Group

Return to listing
back to
the top
Your browser is not supported. Please use another browser.