Investment

Clean Energy: l’inizio di una nuova era

by Giacomo Calef

Clean Energy: l’inizio di una nuova era 

Per il tema della Clean Energy si preannuncia un futuro molto positivo, trainato da importanti driver di natura regolamentare, sociale ed economica. Quest’ultimi, in particolare, afferiscono rispettivamente agli immensi investimenti promessi dai Governi per la riduzione delle emissioni di carbonio, ad una crescente consapevolezza ecologica nata con la pandemia e ad una maggior efficienza dell’energia offerta dalle fonti rinnovabili.

La quota globale di elettricità sta crescendo… e due terzi sarà prodotta da fonti rinnovabili *PJ: Petajoule, unità di misura dell’energia appartenente al Sistema Internazionale

Dunque, noi abbiamo deciso di cavalcare il trend, in quanto la transizione energetica potrebbe davvero avere luogo, caratterizzandosi per diversi cambiamenti strutturali dell’economia e per l’offerta di molte opportunità per gli Investitori. Si osservi il grafico: entro i prossimi 20-25 anni l’energia sarà generata prevalentemente dall’elettricità e circa 2/3 di essa, secondo le stime di alcuni analisti, sarà prodotta da fonti rinnovabili, tra cui solare, eolico ed idrogeno. Il tema di investimento della Clean Energy, inoltre, pervade molti ambiti settoriali diversi tra di loro, dando la possibilità di costruire un portafoglio solido ed opportunamente diversificato. Noi, a tal proposito, abbiamo identificato un paniere di titoli ponderati con pesi differenziati e suddivisi in quattro componenti di investimento:

  • produttori e relativi fornitori della catena di valore: si tratta di una prima componente ciclica rappresentata dal settore industriale, che si occupa della produzione e manutenzione di pannelli fotovoltaici, turbine eoliche e celle a combustibile alimentate a idrogeno;
  • efficienza energetica: si tratta di una seconda componente ciclica, composta da aziende che producono materiali per l’isolamento termico degli edifici, illuminazioni a LED per la razionalizzazione dei consumi e smart grid per l’efficientamento intelligente dell’uso di energia;
  • utilities: si tratta della componente difensiva, costituita dai fornitori di energia che, in particolar modo, stanno sviluppando un modello di business che beneficerà della transizione energetica a favore dell’elettrico sostenibile, senza però rinunciare alla stabilità dei flussi di cassa;
  • Information Technology: si tratta della componente tecnologica che, a fronte della dirompenza della digitalizzazione, non può mancare in un buon portafoglio azionario. Qui troviamo aziende specializzate nella produzione di semiconduttori, nell’elaborazione di software per il design delle celle fotovoltaiche, nell’offerta di servizi cloud e molto altro.

Ad oggi, per concludere, il tema ha ormai assunto una forte visibilità tra gli Investitori e nel primo mese del 2021, sulle basi di un’analisi di performance, il paniere che abbiamo identificato ha largamente sovraperformato l’azionario mondiale: +5,69% vs -0,35% dell’MSCI World (in EUR, al 31/01/2021).

Fonti: Notz Stucki Research, BlackRock Research

Di seguito l’ultima nota settimanale del nostro ufficio di Milano.

Nota settimanale 05.02.2021

  1. Panoramica macro
  2. Clean Energy: l’inizio di una nuova era
  3. Alla ricerca di rendimento nel comparto obbligazionario cinese

 

 

 

 

 

Disclaimer

Le performance passate non sono in nessun caso indicative per i futuri risultati. Le opinioni, le strategie ed i prodotti finanziari descritti in questo documento possono non essere idonei per tutti gli investitori. I giudizi espressi sono valutazioni correnti relative solamente alla data che appare sul documento.

Questo documento non costituisce in alcun modo una offerta o una sollecitazione all’investimento in nessuna giurisdizione in cui tale offerta e/o sollecitazione non sia autorizzata né per nessun individuo per cui sarebbe ritenuta illegale. Qualsiasi riferimento contenuto in questo documento a prodotti finanziari e/o emittenti è puramente a fini illustrativi, ed in nessun caso deve essere interpretato come una raccomandazione di acquisto o vendita di tali prodotti. I riferimenti a fondi di investimento contenuti nel presente documento sono relativi a fondi che possono non essere stati autorizzati dalla Finma e perciò possono non essere distribuibili in o dalla svizzera, ad eccezione di alcune precise categorie di investitori qualificati. Alcune delle entità facenti parte del gruppo Notz Stucki o i suoi clienti possono detenere una posizione negli strumenti finanziari o con gli emittenti discussi nel presente documento, o ancora agire come advisor per qualsiasi degli emittenti stessi.

I riferimenti a mercati, indici, benchmark, cosi come a qualsiasi altra misura relativa alla performance di mercato su uno specifico periodo di riferimento, sono forniti esclusivamente a titolo informativo.

Il contenuto di questo documento è diretto ai soli investitori professionali come definiti ai sensi della direttiva Mifid, quali banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, imprese di assicurazione, organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali fondi, i negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci, soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia; altri investitori istituzionali, agenti di cambio e non è da intendersi per l’uso di investitori al dettaglio. Accettando questi termini e condizioni, l’utilizzatore conferma e comprende che sta agendo come investitore professionale o suo rappresentante e non come investitore al dettaglio.

Informazioni aggiuntive disponibili su richiesta

© Notz Stucki Group

Return to listing
back to
the top
Your browser is not supported. Please use another browser.