Investment

Trimestrali, giunge il momento della verità

by Giacomo Calef

Trimestrali, giunge il momento della verità

Da un paio settimane è cominciata la stagione delle trimestrali che rappresenta, in particolar modo quella attuale, un momento cruciale per gli investitori, in quanto i danni della pandemia si vedranno concretamente riflessi sui bilanci delle aziende. Il 2020 sarà un anno storico, in quanto le stime del crollo degli utili sono preoccupanti ed il grafico sottostante ne è una chiara rappresentazione: il margine di profitto complessivo che, secondo le attese, sarà generato dalle società che compongono l’indice azionario S&P 500 risulta pari a 7,1%, ovvero il valore più basso da oltre una decade.

Non solo, il secondo trimestre del 2020 ha segnato un declino complessivo degli utili pari a circa il 44%. Si tratta di un dato ancora in fase di stima, ma già rende bene l’idea della portata di questa crisi. A soffrire sono stati, come ci si poteva attendere, i settore ciclici, ovvero quello più esposti alle fasi di contrazione economica, e nel caso delle aziende quotate nell’S&P 500, il riferimento va in particolar modo ai titoli finanziari, industriali ed energetici. D’altro canto, l’impatto sull’economia causato dal lockdown è stato meno violento in altri settori. In particolare, i tre che hanno subito meno danni sono stati Utilities, Healthcare e Information Technology. E gli ultimi due, in particolare, hanno spinto molti investitori, da Marzo ad oggi, a trovarci rifugio per i propri portafogli azionari, sfruttando le valutazioni attraenti che sono venute a crearsi a seguito del crollo verticale di Marzo. Infatti, nel corso degli ultimi mesi quei gestori che hanno seguito un semplice concetto di investimento, che noi chiamiamo “Follow the Authorities”, hanno potuto cogliere il rimbalzo e coprire, per quanto possibile, le perdite subite in precedenza. Ad esempio, le Autorità, come i Governi, hanno deciso di mantenere aperte le attività essenziali durante la pandemia e noi ci siamo appunto focalizzati sulla selezione di quelle società che forniscono beni di prima necessità. Inoltre, dato che la pandemia ha spinto gli Stati a dare ancora più importanza alla sanità in termini di allocazione di risorse e investimenti, una buona parte dei nostri portafogli è stata posizionata su aziende che producono dispositivi medicali all’avanguardia e strumenti per la cura della salute. Nel prossimo periodo, tuttavia, potremmo assistere a nuove ondate di volatilità dato che, tra le altre cose, il periodo estivo è caratterizzato da una riduzione dei volumi di scambio ed i movimenti sui mercati possono essere influenzati da pochi operatori (soprattutto quelli che gestiscono grandi masse). Pertanto, con riferimento al comparto azionario, sarebbe più opportuno favorire quelle strategie che prendono posizioni sia lunghe che corte, attraverso cui il gestore possa offrire la possibilità all’investitore di limitare l’impatto derivante dalle oscillazioni dei mercati azionari.

 

Fonti: Notz Stucki Research, Factset

Di seguito l’ultima nota settimanale del nostro ufficio di Milano.

Nota settimanale 24.07.2020

  1. Panoramica macro
  2. Uno sguardo sui mercati: USA vs Europa
  3. Trimestrali, giunge il momento delle veritá

 

 

Disclaimer

Le performance passate non sono in nessun caso indicative per i futuri risultati. Le opinioni, le strategie ed i prodotti finanziari descritti in questo documento possono non essere idonei per tutti gli investitori. I giudizi espressi sono valutazioni correnti relative solamente alla data che appare sul documento.

Questo documento non costituisce in alcun modo una offerta o una sollecitazione all’investimento in nessuna giurisdizione in cui tale offerta e/o sollecitazione non sia autorizzata né per nessun individuo per cui sarebbe ritenuta illegale. Qualsiasi riferimento contenuto in questo documento a prodotti finanziari e/o emittenti è puramente a fini illustrativi, ed in nessun caso deve essere interpretato come una raccomandazione di acquisto o vendita di tali prodotti. I riferimenti a fondi di investimento contenuti nel presente documento sono relativi a fondi che possono non essere stati autorizzati dalla Finma e perciò possono non essere distribuibili in o dalla svizzera, ad eccezione di alcune precise categorie di investitori qualificati. Alcune delle entità facenti parte del gruppo Notz Stucki o i suoi clienti possono detenere una posizione negli strumenti finanziari o con gli emittenti discussi nel presente documento, o ancora agire come advisor per qualsiasi degli emittenti stessi.

I riferimenti a mercati, indici, benchmark, cosi come a qualsiasi altra misura relativa alla performance di mercato su uno specifico periodo di riferimento, sono forniti esclusivamente a titolo informativo.

Il contenuto di questo documento è diretto ai soli investitori professionali come definiti ai sensi della direttiva Mifid, quali banche, imprese di investimento, altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati, imprese di assicurazione, organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali fondi, i negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci, soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia; altri investitori istituzionali, agenti di cambio e non è da intendersi per l’uso di investitori al dettaglio. Accettando questi termini e condizioni, l’utilizzatore conferma e comprende che sta agendo come investitore professionale o suo rappresentante e non come investitore al dettaglio.

Informazioni aggiuntive disponibili su richiesta

© Notz Stucki Group

Return to listing
back to
the top