Investment

La stagione degli utili delle big americane dell’indice S&P 500 – Mercati nota settimanale

by Giacomo Calef

La stagione degli utili delle big americane dell’indice S&P 500

Ad oggi circa l’80% delle società quotate nell’indice S&P500 hanno pubblicato i risultati del quarto trimestre del 2018. In particolare, le preoccupazioni del mercato legate all’impatto del rafforzamento del dollaro, del rallentamento globale e della guerra commerciale, stanno colpendo le aziende dell’indice con più alta esposizione delle vendite al commercio internazionale, anche se complessivamente fatturato e profitti sono risultati positivi.

Tuttavia, secondo le ultime pubblicazioni, il tasso di crescita trimestrale dei profitti dovrebbe attestarsi per la prima volta, dal quarto trimestre del 2017, ad un valore inferiore al 20% e nel 2019 gli analisti prevedono un declino piuttosto importante. Tra i settori che hanno registrato performance reddituali sopra la media menzioniamo l’Healthcare, ICT (Information & Communication Technology) e i consumi. Ciò conferma la nostra view positiva su questi comparti, in grado di offrire diversificazione e opportunità di crescita, specialmente grazie alla loro capacità di essere potenzialmente anticiclici nel lungo periodo. Per quanto riguarda l’ICT, il nostro focus riguarda in primis il Cloud Computing, i pagamenti digitali e l’E-Commerce. Invece il trend demografico di invecchiamento della popolazione ci permette di considerare i servizi sanitari, in particolar modo il settore del Medical Tech, come una valida opportunità su cui puntare per l’asset class azionaria. Infine, se guardiamo ai consumi, soprattutto di beni voluttuari e di lusso, ci aspettiamo che alcuni tra i brand più solidi e influenti, come ad esempio LVMH e Nike, continuino a crescere, resistendo anche ai forti ribassi di mercato come quello accaduto nel 2018.

Quindi, considerando che gli effetti dello stimolo della politica fiscale di Trump sull’economia americana si stanno esaurendo, per ottimizzare la strategia di portafoglio risulta necessario ricercare un gestore in grado di effettuare stock selection nei settori più profittevoli, capaci di catturare le performance di lungo periodo.

Fonti: Notz Stucki Research, Bloomberg, Facset

Di seguito l’ultima nota settimanale del nostro ufficio di Milano.

Mercati nota settimanale – 23 02 2019

  1. Panoramica macro
  2. La stagione degli utili delle big americane dell’indice S&P 500
  3. Le difficoltà dell’industria italiana
  4. Ferrari: il marchio più forte al mondo

 

Return to listing
back to
the top